Happy Bday a me

Tengo il conto degli anni solo per ricordarmi della strada fatta fin qui, di quanto sono diversa, me stessa, senza pentirmi di essere vera.

Tra un pianto e una risata ho fatto già 25 anni. Non mi reputo ancora soddisfatta e non ho ancora trovato ciò che stavo cercando… Spesso non mi sento all’altezza di me stessa, ma se chiudo gli occhi per un momento non posso che essere fiera delle mie battaglie e grata a chi in me ci crede e mi sta sempre vicino. Nonostante tutto.

Sarà che sono troppo convinta che la vita sia bella anche quando è faticosa, dolorosa, complicata.

Sarà che vivere la vita come voglio è il più bel regalo che potessi ricevere – dai miei genitori, da chi mi sostiene ogni giorno – e conquistare passo dopo passo.

Quindi, ancora se è ormai passata la mezzanotte, tanti tanti auguri a questa esuberante, caparbia, orgogliosa, emotiva, sognatrice, impulsiva, ma dolce Bambina…

🎂🎉✨

Tutto si ferma a volte.

Hey there, non vi capita a volte di sentirvi fermi e di non potervi muovere? Come le paralisi del sonno, che sembrano brutti incubi ma sono così vividi che te li ricordi eccome.

In zona rossa è facile sentirsi fermi, credo, è che io ferma non ci so stare. Non sono fatta per la vita sedentaria, io che amo uscire e fare lunghe passeggiate, tra le piazze e i negozi, io che amo vedere la gente e isolarmi in mezzo alla confusione… Ma sì, perché essere da sola in mezzo a un mucchio mi fa sentire più serena e più forte. Essere uno in mezzo a cento non è meglio che essere uno e basta? Dovremmo stare vicini, in un periodo del genere. Eppure proprio stare vicini ci distruggerebbe, sta già distruggendo tante famiglie e persone.

Trovo che sia tutto così strano adesso, che quasi mi confondo se ci penso. Ma le regole sono regole finché il mondo non si “risistema”.

Ho una paralisi del sonno non so da quanto tempo, si ripete ciclicamente e mi ricorda che non sto dormendo ma non posso neanche svegliarmi del tutto. Che ci vedo bene, ma non posso muovermi. Con le braccia e le gambe fuori gioco, gli occhi sono gli unici che apaticamente seguono la scia della realtà, ma è difficile non perderla di vista. È l’ultimo barlume di luce rimasto, nel caos di quello che mi circonda tra vestiti spiegazzati e pensieri mischiati.

La notte aiuta, porta consiglio dicevano. Forse è vero, ma il mio non l’ho ancora ricevuto. E no, non c’entra solo la pandemia. La mia è una notte interiore, a volte fredda, a volte incendia… Ci vorrebbe dell’acqua.

Chissà come si chiama la sete di futuro. Ché il passato è una pentola intera di acqua bollita, in parte evaporata. Il presente somiglia a una sorgente, a volte fresca e desiderabile come dopo una lunga corsa, a volte insignificante e per niente soddisfacente. Chissà di cosa sa il futuro… io so com’è averne sete, questo sicuro.

Mentre scrivo come un flusso, è come se queste parole fossero arrivate a me da sole. Io non mi precludo né precludo loro alcuna strada, dato che (come avrete capito) ho sete e non vedo l’ora di vedere dove arriveremo insieme. INSIEME. Capito?

02:29, 26/03/21